Sentenza n. 5243 del 8 ottobre 2012 Consiglio di Stato

0
16

Diniego emersione dal lavoro irregolare

 

 

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

ex artt. 38 e 60 cod. proc. amm. sul ricorso numero di registro generale 5978 del 2012, proposto da: *****, rappresentato e difeso dall’avv. Gianni Dionigi, con domicilio eletto presso l’avv. Giovan Vincenzo Placco in Roma, via Basento n. 37;

contro

Ministero dell’Interno, Prefettura di Perugia, U.T.G., non costituitosi in giudizio;

nei confronti di

***, non costituitosi in giudizio;

per la riforma

della sentenza breve del T.A.R. UMBRIA – PERUGIA: SEZIONE I n. 00150/2012, resa tra le parti, concernente diniego emersione dal lavoro irregolare

Visti il ricorso e i relativi allegati;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 14 settembre 2012 il consigliere Bruno Rosario Polito e udito per il ricorrente l’ avvocati Dionigi;

Rese edotte le parti, ai sensi dell’art. 60 cod. proc. amm., circa la possibile definizione del giudizio con sentenza semplificata

Ritenuto:

– che le condizioni per l’emersione delle posizioni di lavoratori occupati irregolarmente per i compiti di cui all’art. 1 ter, comma, del d.l. n. 78 del 2009, sono accertate all’interno di un procedimento ad iniziativa del datore di lavoro, sul quale grava ogni onere contributivo e di dichiarazione dei presupposti per la sanatoria;

– che l’impulso procedimentale del datore di lavoro, nel cui interesse ha luogo la regolarizzazione, deve accompagnare sia la fase di verifica dell’ammissibilità della dichiarazione di emersione, sia quella di stipula del contratto di soggiorno, con ogni effetto, quanto ai cittadini extracomunitari, sulla richiesta e rilascio del permesso di soggiorno;

– che, come documentato in corso di giudizio, il soggetto – su impulso del quale era stato attivato il procedimento di regolarizzazione – ha, in prosieguo, presentato contraria dichiarazione di insussistenza di un valido rapporto di lavoro, che possa giovarsi della speciale disciplina di sanatoria dettata dall’art. 1 ter del d.l. n. 78 del 2009;

– che la conseguente preclusione della stipula del contratto di soggiorno con il presunto datore di lavoro impedisce il perfezionamento del procedimento di sanatoria e rende dovuta la determinazione dell’ Amministrazione di arresto del procedimento con rigetto della dichiarazione di emersione inizialmente presentata;

– che nessuna determinazione è adottata in ordine alle spese del giudizio stante la mancata costituzione dell’ Amministrazione intimata;

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo respinge.

Nulla per le spese.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 14 settembre 2012

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 08/10/2012

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here