Ordinanza n.15025 del 7 settembre 2011 Corte di Cassazione

0
17

Autorizzazione alla permanenza in Italia del familiare del minore – pericolo di compromissione del sano sviluppo psicofisico dei minori derivante dall’allontanamento del genitore

 

 

CORTE DI CASSAZIONE
Sez. VI Civile


FATTO E DIRITTO

Rilevato che:
in data 6 dicembre – 28 febbraio 2012 è stata depositata relazione ex art. 380 bis che qui si riporta:
RELAZIONE (art. 380 bis c.p.c.).
Il relatore cons. Giacinto Bisogni Letti gli atti depositati.

Rilevato che:
1. ***** ricorre per cassazione avverso il decreto n. 44/2010 adottato dalla Corte di appello di Potenza – sezione minori che, in riforma della decisione adottata in primo grado dal Tribunale per i Minorenni, ha negato la autorizzazione alla sua permanenza in Italia per un anno in qualità di genitore dei figli minori *** e *** ;

2. Il Tribunale per i minorenni aveva ritenuto sussistere le condizioni previste dall’articolo 31 comma 3 del d.lgs. n. 286/1998 e in particolare il pericolo di compromissione del sano sviluppo psicofisico dei minori derivante dall’allontanamento del genitore. La Corte di appello è andata di contrario avviso accogliendo il reclamo del Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Potenza basato sul presupposto che la norma invocata non è finalizzata a tutelare l’interesse del minore alla convivenza con i genitori, che rappresenta una condizione destinata a durare stabilmente sino alla maggiore età, bensì a fronteggiare situazioni contingenti ed eccezionali;

3. Con l’unico motivo di ricorso si deduce la violazione dell’articolo 31 del d.lgs. n. 286/1998 e dell’art. 3 della Convenzione di New Xork del 20 novembre 1989 nonché l’omessa motivazione del provvedimento impugnato;

Ritenuto che:
1. In seguito dell’intervento delle Sezioni Unite di questa Corte (Cass. civ. S.U. n. 21199 del 25 ottobre 2010) la giurisprudenza di legittimità (Cass. civ. n. 7516/2010) è ormai orientata nel ritenere che la temporanea autorizzazione alla permanenza in Italia del familiare del minore, prevista dall’art. 31 del d.lgs. n. 286 del 1998 in presenza di gravi motivi connessi al suo sviluppo psico-fisico, non richiede necessariamente l’esistenza di situazioni di emergenza o di circostanze contingenti ed eccezionali strettamente collegate alla sua salute, potendo comprendere qualsiasi danno effettivo, concreto, percepibile ed obiettivamente grave che in considerazione dell’età o delle condizioni di salute ricollegabili al complessivo equilibrio psico-fisico, deriva o deriverà certamente al minore dall’allontanamento del familiare o dal suo definitivo sradicamento dall’ambiente in cui è cresciuto;….

Ritenuto che:
1. La relazione appare pienamente condivisibile e pertanto il ricorso sia manifestamente fondato dato che l’età dei figli del ricorrente giustifica, almeno in astratto, la previsione di un grave danno connesso alla loro separazione dal genitore. Il ricorso è pertanto da accogliere con conseguente cassazione del decreto impugnato e rinvio alla Corte di appello di Potenza.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso cassa il decreto impugnato e rinvia alla Corte di appello di Potenza che in diversa composizione deciderà anche sulle spese processuali del giudizio di cassazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here