Ordinanza n. 1188 del 23 marzo 2012 Consiglio di Stato

Rinnovo del permesso di soggiorno – figli minori nati in Italia –

 

REPUBBLICA ITALIANA

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

ORDINANZA

sul ricorso numero di registro generale 1621 del 2012, proposto da: *****, rappresentata e difesa dall’avv. Alessandra Ballerini, con domicilio eletto presso Emiliano Benzi in Roma, viale dell’Universita’, 11;

contro

Ministero dell’Interno, Questura di Genova, rappresentati e difesi dall’Avvocatura generale dello Stato, domiciliata per legge in Roma, via dei Portoghesi, 12;

per la riforma

della sentenza breve del T.A.R. LIGURIA – GENOVA: SEZIONE II n. 01382/2011, resa tra le parti, concernente rinnovo del permesso di soggiorno;

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visto l’art. 98 cod. proc. amm.;

Visti gli atti di costituzione in giudizio di Ministero dell’Interno e di Questura di Genova;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Vista la domanda di sospensione dell’efficacia della sentenza del Tribunale amministrativo regionale di reiezione del ricorso di primo grado, presentata in via incidentale dalla parte appellante;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 23 marzo 2012 il Cons. Alessandro Palanza e udito per le parti l‘avvocato dello Stato Varrone;

Ritenuto che:

– il provvedimento debba essere valutato in sede di merito sotto il profilo della adeguatezza della motivazione in presenza di tre figli minori tutti nati in Italia, una situazione, che nella giurisprudenza di questa Sezione è considerata, in determinate circostanze, assimilabile al ricongiungimento familiare ai fini dell’applicazione delle disposizioni dell’art. 5, comma 5, secondo periodo, del D. Lgs. n. 286/1998;

– nella comparazione degli interessi nella presente fase cautelare, sia prevalente la considerazione del danno dei figli minori sull’interesse pubblico sottostante al provvedimento impugnato in primo grado;

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) Accoglie l’istanza cautelare (Ricorso numero: 1621/2012) e, per l’effetto, sospende l’esecutività della sentenza impugnata.

Spese della presente fase cautelare compensate.

La presente ordinanza sarà eseguita dall’Amministrazione ed è depositata presso la segreteria della Sezione che provvederà a darne comunicazione alle parti.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 23 marzo 2012

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 23/03/2012

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

Be the first to comment on "Ordinanza n. 1188 del 23 marzo 2012 Consiglio di Stato"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*